Api regine

regina 3Chi è la regina dell’alveare?

La regina nasce da uova fecondate che vengono deposte nelle celle reali, più grandi delle altre e con una caratteristica forma a “ghianda verso che si prolunga verso il basso”.

A differenza delle altre api, le regine, vengono nutrite con pappa reale per tutta la durata dello stato larvale (quando sono piccole larve e vivono nelle celle) e non con miele e polline.
Grazie a questo speciale nutrimento crescono di più delle operaie ma non solo si sviluppano entro soli 16 giorni anziché i 21 delle comuni api operaie,ma in più sono capaci di fare le uova dopo che hanno fatto il loro volo nuziale a circa 7 -14 giorni dalla loro nascita.

La pappa reale dà una trasformazione veramente eccezionale alle api regine, infatti sono grandi il doppio delle normali api operaie nonostante siano nate dalle stesse uova della regina madre, praticamente la regine è una “fortunata” perché questo nutrimento è il privilegio esclusivo delle sole regine per tutta la vita, mentre le api operaie i fuchi possono sperare di mangiare pappa reale solo per i primi giorni dello stadio larvale, dopo invece si accontenteranno di mangiare solo miele e polline.
Da grandi sono come delle api operaie più lunghe da 17 a 20 millimetri e si riconoscono chiaramente perché hanno l’addome molto sviluppato e lucente.

Il nome di regina non è forse il più adatto perché, in verità, passano il loro tempo a lavorare per deporre le uova: fino a 2000 al giorno, ed in casi particolari anche di più. Escono dall’alveare solo per “accoppiarsi con i mariti nel volo nuziale”, i mariti delle api regine muoiono poco dopo l’accoppiamento, ma è una cosa che capita a molti insetti maschi.

Le regine possono anche cambiare casa, in questo caso si chiama sciamatura anche se sembra più che altro un esodo biblico infatti quasi metà alveare va via con la vecchia regina lasciando nella vecchia casa una nuova regina che farà ritornare l’alveare grande come prima, la vecchia regina si troverà una nuova casa e l’alveare tornerà a crescere, finché non ci sarà un nuovo esodo, e così via per sempre.

Le regine influenzano anche il comportamento di tutto l’alveare producendo la “ormone reale” una specie di profumo che le sentono annusano con le loro antenne, quando dovesse mancare una regina per il decesso della vecchia le api operaie cercarono in tutti i modo di crearne una nuova dalle larve presenti nell’alveare poiché un alveare sprovvisto di regina è destinato a morire in breve tempo.
Le regine vivono in media 4-5 anni.